venerdì 19 novembre 2010

La bellezza della notte

Qualcuno ormeggia la sua barca dove lidi bui e desolati giacciono inani.
E così dall'alto di un monte mai scalato si spargono pozioni
magiche
come la culla della civiltà
che portava acqua al suo mulino
spandendo prove di forza al suono elastico di giganti
sovrani di terre emerse e poi sprofondate lontano
fino alla notte dei tempi
irragiungibili bellezze.