domenica 6 gennaio 2013

Il senso dell'amare

a Beatrice Impronta

Non sone le alte vette del successo
a donarmi il senso dell'amare
e stringermi il cuore in un caldo abbraccio
- forte di fortezza inaudita -
non è la sintetica luce che scioglie
la pietà e brucia le emozioni
non il suono dei plausi falsi come monete
d'oro degli sciocchi.
Sei tu. 
Tu che hai scelto l'essere e non l'avere
- primordiale dubbio - atavico dolore - 
Tu che ami senza limiti e mai ti chiedi
se ne vale la pena
e se la pena che segue l'istante magico della gioia 
possa uccidere quel sogno che rifiuta il diamante 
per concedersi spoglio del superfluo
all'amore che non conosce veti e ciarle
e si ribella alla legge dell'usura
e dura finché dura l'universo
e non teme il dito puntato che accusa il miele
lo zucchero gettato lì per terra
il dolce che penetra il tuo cuore
il senso del tuo essere innocente
in un mondo dove dire amore
suona sempre più lontano.