giovedì 21 marzo 2013

INFRAMEZZO MATTUTINO e altre liriche di Michela Maria Zanon



Care amiche, cari amici. Per "Spazio Autori" di Linea Carsica, vi proponiamo tre liriche di Michela Maria Zanon tratte dalla raccolta Il sogno dei pesci (IlMioLibro). Buona Lettura.


Inframezzo mattutino









                                        Sedersi su culi comodi

ammobiliati.

L’aria fuori sgrana.

Nessuna ragione profonda induce a stare soli, oggi.

Anche il cane domestico morde.









L’infascino




Volavo nel cielo azzurro un mattino
serenamente quando

un uccellaccio mi sbarrò la strada e mi chiese di fermarmi.

"Come voli bene"

si complimentò.

"E' l'inizio della fine" - pensai.








Scrivo









Scrivo come respiro

vita di carne ossa e sangue.



Elogio al respiro,

forma eletta e muta

il più sacro fra i processi organici.



Scrivo per ricercare l'interezza.



La sazietà mi colloca fuori dal regno.



Respiro e la stanza si riempie d'intimo.



E' l'epoca dei respiri corti

l’ esistenza soffoca

la gola rigurgita

il sangue non coagula.



Scrivo per malattia del pensiero.



Lacrima miracolosa

sul sentiero arido.



Il sogno dei pesci su Linea Carsica: