mercoledì 23 aprile 2014

I PORNOMADI di Davide Morgagni (Musicaos:ed) al Fondo Verri, Lecce

"I pornomadi" di Davide Morgagni  al Fondo Verri
mercoledì 23 aprile  2014 – alle 20.00

La  prima presentazione  per “I pornomadi” (musicaos:ed), il romanzo di esordio di Davide Morgagni, terzo titolo della collana “smartlit”, diretta da Luciano Pagano, si terrà il 23 aprile, alle 20.00, al FondoVerri a Lecce (in Via Santa Maria del Paradiso, nei Pressi di Porta Rudiae) con l’autore Lorenzo Papadia, autore delle fotografie contenute nel volume e Luciano Pagano, che dialogherà con entrambi.
Davide Morgagni si muove attorno al centro di una realtà terrificante, costruita sul delirio, una parola dopo l'altra, come una piega, una ferita. Quale immagine di società ne verrà fuori, quale nuova generazione di pornoumani, derive, resisterà a questo romanzo increato dove il mondo è immediatamente vita, subito, adesso? “Il peggio passa e se ne fa una sintassi”.
Morgagni, nel suo romanzo di esordio compie un gesto liberatorio nei confronti della sintassi, di quella lingua che spesso viene abusata entro limiti di convenzienza, confondendo l’essere di ciò che si racconta con la gabbia ‘scolastica’ delle buone maniere, ammiccanti per il lettore. “I pornomadi” racconta le vicende del primo “pornomade”, in una realtà cittadina, metropolitana, che sarebbe assenza totale e gratuita, totale indifferenza, se non fosse per l’accensione atomica che il testo fornisce alla realtà stessa.
Il libro contiene 25 immagini fotografiche, in bianco e nero, realizzate da Lorenzo Papadia e selezionate per questa pubblicazione. Cioò che si realizza, tra testo e immagine, ne “I pornomadi” è un dialogo inedito, equilibrio tra poesia della visione e scrittura musicale del testo di Davide Morgagni.

DAVIDE MORGAGNI
Nasce a Lecce nel 1977. Si laurea in Filosofia. Nel novembre del 2013 debutta alla scrittura e regia teatrale con "RICCARDINO III", da William Shakespeare.

LORENZO PAPADIA
Lorenzo Papadia vive e lavora in Italia, come fotografo, occupandosi principalmente dell'organizzazione di workshop fotografici, sviluppando percorsi a tema, a partire da un'attenta analisi della realtà, fotografando spesso oggetti di uso comune, interni o paesaggi urbani. La 'sua' realtà viene rivista ed ordinata, rivisitata attraverso la fotocamera, per dare un senso compiuto al grande disordine creato dalla velocità di vita odierna, fatta spesso di immagini iper codificate. La fotografia, secondo Lorenzo Papadia, è ancora in grado di far riflettere, di costituire una pausa al bombardamento continuo di immagini cine-televisive tipico dell'era moderna. Una fotografia che ha il compito di permettere all'osservatore di soffermarsi sulle cose, anche comuni, che non si notano più per colpa di una certa velocità dello sguardo. L'atteggiamento di Lorenzo Papadia richiama molto quello fanciullesco, lo stesso che porta alla scoperta del mondo. (http://www.lorenzopapadia.com/)