lunedì 1 settembre 2014

I SIGNORI COL BERRETTO. La dittatura raccontata dai bambini, di Hugo Paredero (minimum fax)

Questo libro nasce la notte del 10 dicembre 1983 nel ristorante Hermann, a Buenos Aires. Dopo sette anni di dittatura militare ferocissima, dopo migliaia di omicidi di stato, di «voli della morte», di persone torturate e desaparecide, Hugo Paredero sta festeggiando, come tutta l’Argentina, il ritorno alla normalità. Al tavolo accanto al suo ci sono due bambini, mangiano il dolce e guardano lo spettacolo della festa in strada con grande serietà. A un tratto parlano:
«Perché tutti quanti sono diventati contenti all’improvviso?»
«Perché è arrivata la democrazia...»
«E allora se gli piaceva tanto perché non l’hanno fatta venire prima?»
«Perché pare che hanno dovuto discutere per un saaacco di tempo con i signori col berretto».
«Ah sì, lo so, quelli cattivi!»
Quando Paredero esce dal ristorante, sa che libro deve scrivere: la storia della dittatura raccontata esclusivamente dai bambini. Ci metterà più di un anno per fare tutte le interviste, a 150 bambini dai 5 ai 12 anni; e ci metterà più di due decenni per trovare un editore disposto a pubblicarglielo. Arricchita dalla prefazione di Marco Bechis, regista di Garage Olimpo, vi presentiamo oggi la prima traduzione italiana di questo libro unico: commovente, civile, necessario, storico. Un atto d’amore verso i testimoni più innocenti della brutalità della storia.